WARREN BUFFET: UN LASCITO DA 75 MILIARDI DI DOLLARI

Esistono esempi illustri di lascito solidale? Quanti sono i vip e i personaggi pubblici (ma anche figure storiche di rilievo e influenti) che hanno contribuito a sensibilizzare il mondo e l’opinione pubblica sul tema? Al contrario di quanto si potrebbe pensare, non sono affatto pochi. Un esempio che viene dagli Stati Uniti è quello del magnate Warren Buffett.

Warren Edward Buffett nato ad Omaha il 30 agosto 1930, è un imprenditore ed economista, il cui particolare soprannome, conosciuto in tutto il mondo è “l’oracolo di Omaha”. Buffett è chiamato in questo modo per la sua inimitabile abilità negli investimenti finanziari. Proprio questa abilità lo ha reso ricchissimo con un patrimonio di 75.6 miliardi di dollari registrato quest’anno.

La rivista Forbes lo ha proclamato l’uomo più ricco del mondo nel 2008 (anche se adesso non ha più quel primato); nel 2015 si è insediato stabilmente come il secondo più ricco del mondo, dopo Bill Gates, e il quarantesimo uomo più ricco di tutti i tempi.

Al contrario di quanto si potrebbe pensare a causa dei facili stereotipi, Warren Baffet ha annunciato di voler lasciare in beneficenza il 99% del proprio patrimonio ed ha esortato i suoi “colleghi” a fare lo stesso lanciando, insieme a Bill Gates, la campagna “The giving pledge”.

La campagna si basa su un concetto semplice: un invito aperto a miliardari e facoltosi a impegnarsi pubblicamente nel donare la maggior parte della loro ricchezza in azioni filantropiche, come il lascito solidale. Una campagna ispirata dall’esempio realizzato da milioni di persone a tutti i livelli di reddito che donano generosamente – e spesso a grande sacrificio personale – per rendere il mondo un posto migliore.

Warren Buffet non si impegna quindi solo con il proprio patrimonio, ma punta alla sensibilizzazioni dei magnati che hanno la possibilità concreta di poter fare di più.

GUIDA AI LASCITI

Voglio lasciare al mondo il futuro che ho sempre sognato

Tutte le informazioni utili per fare un lascito solidale