ITALIA: MEDAGLIA D’ORO PER TERZO SETTORE

 

 

Il Terzo Settore, in modo sempre più incisivo in questi ultimi anni di spending review, ha erogato servizi fondamentali per le persone a livello internazionale, nazionale e locale, e agito per la vita e la coesione sociale come attore integrativo dello Stato. Infatti, per quanto riguarda la produzione di servizi, il nostro Paese non raggiungerebbe l’attuale grado di welfare se non potesse contare sul contributo del variegato universo del no-profit italiano. Con il 9,7% di addetti del Terzo Settore sul totale dell’economia, il nostro Paese è medaglia d’oro in Europa. Una realtà che muove entrate per 64 miliardi di euro, equivalenti al 3,4% dell’economia nazionale [1]. Numeri che ci parlano di un modello di responsabilità e condivisione che si fa strada anche grazie ai lasciti solidali.

 

Chi pensa che solitamente ad inserire un lascito nelle ultime volontà sia un donatore regolare dell’organizzazione o che a farlo sia chi non ha una famiglia o degli affetti, si sta sbagliando di grosso. Per quasi la metà delle organizzazioni (oltre il 45% del campione intervistato) si tratta, infatti, di persone che non avevano con loro legami precedenti, bensì sentivano una vicinanza alla causa scelta. A conferma di ciò, il 70% delle organizzazioni dichiara che di rado i donatori rivolgono loro domande per saperne di più su questa forma di donazione.

 

“In Italia è necessario fare cultura sull’importanza di pianificare per tempo la propria successione, sia per disporre dei propri beni in sicurezza sia per aiutare gli altri, anche con piccole somme, attraverso i lasciti solidali spiega Albino Farina, Consigliere Responsabile dei Rapporti con il Terzo Settore e con le Associazioni dei Consumatori del Consiglio Nazionale del NotariatoNoi siamo accanto al Comitato Testamento Solidale sin dalla sua nascita per parlare di lasciti in modo positivo, per dare sì un’informazione esaustiva e chiara a chiunque voglia saperne di più sul tema, ma anche per raccontare la storia di chi, con un gesto di altruismo, ha cambiato la vita a tante persone. Gli Italiani sono sempre più attenti e interessati ad approfondire la possibilità di inserire un lascito solidale nelle ultime volontà, ed in questa prospettiva il notaio è un riferimento concreto per i cittadini, che può fornire informazioni e consigli senza alcun impegno.”

Per saperne di più su testamento solidale e lasciti scarica la guida!

[1] Cfr., RAPPORTO I.T.A.L.I.A. 2015 a cura di Fondazione Symbola, Unioncamere e Fondazione Edison.

GUIDA AI LASCITI

Voglio lasciare al mondo il futuro che ho sempre sognato

Tutte le informazioni utili per fare un lascito solidale