Il lascito solidale contro la mortalità infantile

Intervista a Enrica Costantini, Comitato Italiano per l’UNICEF

Ciao Enrica, quanto conta per il Comitato Italiano per l’UNICEF la raccolta fondi tramite i lasciti solidali?

Conta moltissimo ed è strategica per l’UNICEF perché i fondi raccolti tramite lasciti solidali vanno a sostenere i programmi di base per l’infanzia, fondamentali per la sopravvivenza e lo sviluppo dei milioni di bambini e adolescenti di cui ci prendiamo cura. Nello specifico nel 2016 abbiamo ricevuto poco meno di 7 milioni di euro, circa il 10% del totale della intera raccolta fondi.

Sappiamo che ogni lascito è una storia a sé. Ne ricordi una in particolare?

Ogni storia di un lascito è una straordinaria magia che si ripete ogni volta. L’incontro con il donatore che ti rende partecipe della sua vita e delle sue più intime scelte è una esperienza altamente gratificante ed emozionante. Mi piace ricordare il Signor Silvano perché è stato il mio primo “testatore”.

Cosa successe esattamente?

Il Signor Silvano, già nostro donatore, ci telefonò in ufficio dicendo che aveva visto la pubblicità dell’UNICEF sui lasciti e aveva pensato di farne uno. Parlava con un fortissimo accento toscano tanto che avevo una certa difficoltà a comprendere bene quello che mi stava dicendo. Comunque in qualche modo siamo riusciti a prendere un appuntamento ed abbiamo trascorso un intero pomeriggio assieme. Il Signor Silvano ha condiviso con me ricordi della sua vita, specialmente gli anni della guerra e la terribile miseria del dopo guerra. Ricordava gli aiuti dell’UNICEF in Italia per i bambini italiani come ad esempio il famoso bicchiere di latte distribuito nelle mense scolastiche. Ad un certo punto si è allontanato per pochi minuti, è tornato ed ha deposto nelle mie mani il suo testamento olografo con una semplicità disarmante. Mi sono emozionata moltissimo!

A cosa sono stati destinati i soldi di questa donazione?

Questo lascito è stato destinato al programma di lotta alla mortalità infantile in Benin, un paese estremamente povero e con un alto tasso di mortalità infantile.
Il Benin è uno dei 6 paesi africani nei quali l’UNICEF è presente con l’obiettivo di abbattere almeno del 25% la mortalità infantile, attualmente attestata su 121 decessi neonatali su 1000 nascite. Si tratta di un programma triennale di interventi salvavita essenziali quali: vaccinazioni contro le 6 principali malattie killer dei bambini (tetano, difterite, morbillo, pertosse, polio e tubercolosi); somministrazione di vitamina A, vermifughi, antibiotici e sali reidratanti; distribuzione di zanzariere impregnate di insetticida; assistenza alla gravidanza e al parto; campagne per la promozione dell’igiene personale e formazione di personale sanitario. Attraverso questa strategia integrata si riescono ad ottenere risultati molto incoraggianti.
Grazie alla generosa scelta del Signor Silvano di destinare un lascito all’UNICEF abbiamo potuto cambiare il destino di tanti bambini, dando loro una concreta speranza per il futuro!

Ti potrebbero interessare anche:

GUIDA AI LASCITI

Voglio lasciare al mondo il futuro che ho sempre sognato

Tutte le informazioni utili per fare un lascito solidale