ENRICO DE NICOLA: UN LASCITO PRESIDENZIALE

Enrico De Nicola, uomo politico italiano nato a Napoli nel 1877, fu il primo Presidente della Repubblica nella storia del nostro paese. Insigne avvocato, fu deputato al parlamento, nelle file della sinistra costituzionale, dal 1909 al 1924; sottosegretario alle Colonie con Giolitti (nov. 1913 – marzo 1914), e al Tesoro con Orlando (genn.-giugno 1919), tenne la presidenza della Camera dal giugno 1920 al dic. 1923.

Senatore dal 1929, come possiamo leggere sull’Enciclopedia Treccani Online, svolse scarsa attività politica fin dopo la caduta del fascismo, quando promosse (dic. 1943 – febbr. 1944) la soluzione del conflitto fra i partiti antifascisti e il sovrano mediante un accordo sulla luogotenenza del principe Umberto, da attuare all’entrata degli alleati in Roma.

De Nicola con il suo lascito solidale cancellò i debiti per i più poveri del Monte di Pietà di Napoli, che avevano impegnato indumenti e biancheria nella difficile crisi del secondo dopoguerra. Una storia tragica che il testamento solidale di De Nicola non solo portò alla luce, ma che contribuì a risolvere. Oltre a loro beneficiarono i collaboratori più stretti, l’Albergo dei poveri, l’Ospizio dei fanciulli di Portosalvo, l’orfanotrofio della S.S. Annunziata di Torre del Greco. Infine i giovani avvocati napoletani, vincitori ogni due anni del concorso per il miglior lavoro di diritto penale.

GUIDA AI LASCITI

Voglio lasciare al mondo il futuro che ho sempre sognato

Tutte le informazioni utili per fare un lascito solidale