Come fare testamento? Puoi fare testamento in qualsiasi momento. Puoi scegliere di scriverlo di tuo pugno, e il tuo sarà un Testamento olografo. Oppure farlo redigere da un notaio in presenza di testimoni, e in questo caso sarà un Testamento pubblico. Ma puoi anche consegnarlo in deposito al notaio in busta chiusa, e sarà un Testamento segreto.

Il testamento nell’ordinamento civile italiano è un atto con cui un soggetto, il testatore, dispone dei propri averi, o di parte di essi, per il tempo in cui avrà cessato di vivere. In mancanza di testamento valido, oppure quando il testamento non dispone dell’intero patrimonio del defunto ma solo di determinati beni, si apre – in tutto o in parte – la successione legittima.

Quanto ne sappiamo di eredità e testamenti? Chi ha diritto a ricevere un lascito testamentario e, soprattutto, in quale percentuale? Quali sono gli adempimenti da rispettare? È arrivato il momento di chiarire dubbi e perplessità a se stessi, ai propri familiari e anche ai terzi. Ecco le risposte ad alcune delle domande più frequenti.

Quali sono le parole giuste per definire l’immagine ideale dei nonni? Di sicuro: buoni, generosi e attenti alle esigenze del prossimo. E i nonni di oggi, sono diversi? Come stanno cambiando? Dinamici, digitali e ricchi di interessi, dimostrano, giorno dopo giorno, di avere uno sprint in più, anche in tema della solidarietà.

Il testamento è un argomento molto complesso e non tutti conoscono a fondo la materia. E anche chi è conoscenza delle informazioni basilari a riguardo, in alcuni casi non sa cosa sia il testamento solidale. La prima domanda è: di cosa si tratta? Con il termine testamento solidale indichiamo un lascito a favore di enti, associazioni e organizzazioni Onlus.

“Com’è cambiata negli ultimi decenni la sua idea della morte?”. “Sono fortemente contrario”. Premesso che siamo tutti d’accordo con la celebre (una delle tante) battuta di Woody Allen, visto che la dipartita è – almeno allo stato attuale – ineluttabile, i dubbi cominciano quando ci si chiede, in previsione di quel momento, di cosa fare del proprio patrimonio, piccolo o grande che sia.

Negli ultimi 10 anni è cresciuto del 10% il numero degli italiani che inseriscono il lascito solidale nelle loro ultime volontà. Donano soprattutto le donne che rappresentano il 60% dei casi e non si tratta, nella maggior parte dei casi, di ingenti eredità. Il fenomeno riguarda, infatti, in larga parte donazioni di medie e piccole entità.

Fare un lascito solidale non vuol dire necessariamente donare l’intero patrimonio. Si può decidere di lasciare anche solo una parte dei propri beni: una somma di denaro, azioni, titoli d’investimento; un bene mobile, come un’opera d’arte, un gioiello o anche un arredo; un bene immobile, come un appartamento; la polizza vita indicando la/le onlus scelta/e come beneficiaria/e.

GUIDA AI LASCITI

Voglio lasciare al mondo il futuro che ho sempre sognato

Tutte le informazioni utili per fare un lascito solidale