PICCOLO È ALTRETTANTO BELLO

 

 

Fare un lascito solidale non vuol dire necessariamente donare l’intero patrimonio. Si può decidere di lasciare anche solo una parte dei propri beni:

  • una somma di denaro, azioni, titoli d’investimento;
  • un bene mobile, come un’opera d’arte, un gioiello o anche un arredo;
  • un bene immobile, come un appartamento;
  • la polizza vita indicando la/le onlus scelta/e come beneficiaria/e.

 

E infatti, nel nostro Paese, il lascito solidale riguarda in larga parte donazioni di medie e piccole entità: in oltre il 50% dei casi il valore del lascito è sotto i 20 mila euro; il 25% ammonta tra 20 mila e 50 mila euro; il 18,1% va da 50 mila a 100 mila euro; solo l’8,5% dei lasciti supera i 100 mila euro.

 

20 mila euro, e anche meno, possono essere decisivi per garantire cibo, salute e istruzione a tanti bambini. Per aiutare le persone con disabilità ad integrarsi al meglio. Per fornire servizi socio-sanitari adeguati e sostenere la ricerca scientifica contro malattie come la leucemia e la sclerosi multipla.

 

A una condizione, però: perché un lascito sia valido, occorre indicare chiaramente l’organizzazione/i beneficiaria/e.

Ti potrebbero interessare anche:

GUIDA AI LASCITI

Voglio lasciare al mondo il futuro che ho sempre sognato

Tutte le informazioni utili per fare un lascito solidale